I post del blog

Come fare un pomp… oso articolo per sex blog

Come fare un pomp… oso articolo per sex blog

Sex Blogging

Scopro subito le carte: non esiste alcun pomposo articolo per sex blog. Però confessa: quel Come fare un pomp… ti ha spiazzato un po’, vero? Per attirare la tua attenzione ho giocato con il titolo usando un po’ di ironia.

Che, tra l’altro, è una virtù. E in più di un articolo per sex blog viene utilizzata. Ironico può essere il tone of voice, ironici i giochi di parole e anche lo stile del sex blogger di turno. PornHub ha basato le sue migliori campagne Adv sull’ironia: vuoi che non la si usi in una headline?

L’ironia, però, è un possibile ingrediente di un blog post erotico. Ce ne sono altri, necessari, che ti fanno capire come scrivere un articolo per sex blog. Ammesso che tu voglia conoscere il lato b di un eventuale post su Come fare un pompino a un uomo fino a farlo impazzire di piacere e stai sicura che non ti dimenticherà mai. Titolo troppo lungo? In effetti.

Vediamo, allora, quanto deve essere lunga una headline. E quali sono gli altri elementi che possono rendere un post di sex blog un articolo scritto bene.

Headline per articoli di sex blog. Come scriverla

“Parla di sesso e la gente cliccherà!”. Mica è vero. Per uno stesso intento di ricerca ci sono centinaia di risultati. E non è detto che basti un’alta posizione in Serp per far aprire un articolo di sex blog. Ecco perché serve una headline persuasiva, che catturi l’attenzione e invogli i lettori a cliccare per leggere tutto il contenuto.

Con questi esempi potrei strapparti un sorriso, ma voglio rischiare. Sono esempi di headline che sfruttano il numero nel titolo, la promessa di un beneficio, il senso di esclusività, una notizia eclatante. Eccoli.

  • Pene piccolo? Ti svelo come allungarlo in 1 minuto (beneficio, via dal dolore/verso il piacere).
  • Pene più lungo. 5 modelli di guaina fallica (variante della precedente, con numero nel titolo).
  • I segreti dello Squirting svelati da una pornostar (esclusività/curiosità).
  • Boom di sex toys. Quali sono i più richiesti (notizia eclatante/statistiche).

L’ottimizzazione di un titolo, invece, prevede che la lunghezza di una headline non superi i 60/65 caratteri, altrimenti Google taglia il tag title nei risultati della SERP.

articolo per sex blog

I sottotitoli di un articolo per sex blog

In rete puoi trovare alcuni blog dedicati al Sex & Adult che mancano di sottotitoli. Mi riferisco agli H2, H3, H4, H5 e H6, che assicurano la leggibilità di un articolo. I sottotitoli, infatti, spezzano la bodycopy, evitano il muro di testo e fanno sì che i lettori non scappino via dalla pagina. Anche nei post di sex blog, quindi, è bene inserire dei sottotitoli (personalmente, non vado oltre l’H3) e i motivi sono molteplici.

Oltre a soddisfare una regola di usabilità, i sottotitoli dei paragrafi possono essere ottimizzati. Aiutano, quindi, a posizionare l’articolo per determinate keyword inserite nei tag H2, soprattutto. Perché, allora, non sfruttarli come risposta alle intenzioni di ricerca del pubblico?

I sottotitoli, inoltre, sono fondamentali negli articoli di sex blog molto lunghi. Una volta inserito un plugin per menu interno, permettono ai lettori di leggere le informazioni più interessanti e di saltarne altre. E un lettore che non è costretto a perdere tempo, ha meno probabilità di lasciare il blog.

Leggi anche: piano editoriale per sex blog. I passaggi per svilupparlo

 

Link interni. Non dimenticare di inserirli

Il blog è uno strumento di Inbound Marketing e l’uso che se ne fa nel settore Adult è in buona parte quello di portare traffico a un sito, facendo leva sulle ricerche informazionali (quando non viene usato per fare Brand Awareness, ovviamente). Questo vale per i blog di sexy shop, di Dating, delle agenzie di viaggio specializzate in vacanze erotiche e anche per quelli dei club Adult.

Inserire link interni in un articolo, allora, è il modo più ovvio per sopperire alla mancanza di ricerche transazionali o navigazionali. E per provare a convertire un lettore in cliente.

Il tone of voice giusto per un articolo di sex blog

Non esiste il tone of voice giusto per un articolo di sex blog. I sex blog sono diversi, come lo sono il pubblico a cui si rivolgono. E come lo sono le aziende che lo collegano ai propri siti.

articolo per sex blog
Credits: lelo.com

Il tono di voce di una comunicazione aziendale va valutato in anticipo e in base a questi due parametri. Ha bisogno di sintonizzarsi con il linguaggio dei lettori e di rispecchiare l’immagine del Brand, dando parola anche alle minime sfumature della sua personalità. Penso, per esempio, al ToV usato nel sito di Lelo, così diverso da quello di Zalo, pur essendo entrambi produttori di sex toys di lusso.

articolo per sex blog
Credits: zalousa.com 
Leggi anche: tono di voce aziendale. 5 vibratori a confronto

 

Sex blog nei siti di Dating e tono di voce

E quando il Brand non c’è, ma si tratta solo di un sito di Dating? Qual è il tone of voice di un sex blog di siti di annunci sessuali? Visti i loro contenuti molto espliciti, corredati di foto ancora più esplicite, il tone of voice lo si immagina piuttosto hard. Niente affatto. Può essere ironico, sensuale, ammiccante ma anche distaccato o formale. E non c’è da stupirsi. Se gli articoli sono pubblicati sui canali social del sito, nella speranza che vengano condivisi dagli utenti, c’è poco da stare hard.

E c’è poco da stupirsi, se si considera che questi siti sono frequentati da un pubblico variegato. Non tutti apprezzano i toni forti, così come non tutti hanno lo stesso rapporto con l’eros.

Contenuto di un post per sex blog e come organizzarlo

La scrittura vera e propria di un articolo per sex blog è lo step finale di un percorso che prevede almeno 3 fasi.

Fase 1 – Definire in anticipo il contenuto di un post per sex blog, secondo il piano editoriale e in base alle categorie del blog.
Fase 2 – Una volta scelto l’argomento, ricercare tutte le informazioni da esplicitare nell’articolo.
Fase 3 – Organizzare le informazioni per strutturare l’articolo e fare in modo che risponda in maniera quanto più completa alle intenzioni di ricerca dei lettori. Quindi, alle loro domande. Quindi, alla loro precisa richiesta di informazioni.

L’organizzazione del contenuto non va trascurata. Sia per toccare i punti fondamentali dell’argomento, sia per rendere leggibile l’articolo, sia per poter ottimizzare il testo in ottica SEO. Usare gli H2 per organizzare un articolo di sex blog diventa, allora, quasi un obbligo.

Chi c’è dietro un articolo per sex blog scritto bene?

Sapere chi scrive un articolo per sex blog è importante quanto sapere come si scrive. Se non di più. Al di là delle tecniche, delle nozioni di Seo copywriting e delle regole di scrittura persuasiva, alla base di un buon articolo per Adult blog c’è sempre un cultore della materia (mi si passi l’espressione accademica).

Un Adult copywriter, insomma, che si intende dell’argomento e del suo settore. Chi è secondo te un Adult copy? Come te lo immagini e quali competenze deve avere?
Prova a farmi un suo identikit nei commenti, dai. Vediamo di dare un volto a chi ha il compito di fare un pomp… oso articolo per sex blog 🙂 .

 

© www.sexwriting.it
Tutti i contenuti editoriali presenti sul sito www.sexwriting.it sono frutto dell’opera di ingegno degli autori e sono protetti dalle leggi nazionali ed internazionali sul copyright. 
È fatto espresso divieto di copiare, riprodurre, modificare, pubblicare o distribuire anche parzialmente i contenuti presenti sul sito.

About the author

Adult copywriter e webwriter, mi occupo di scrittura per il settore Adult & Sex. Scrivo articoli Seo oriented per sex blog, testi ottimizzati per siti di Adult Club, schede prodotto e pagine web per sexy shop. Anche, non solo, soprattutto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *