I post del blog

Coppetta mestruale. La mia esperienza con INTIMINA

Coppetta mestruale. La mia esperienza con INTIMINA

Hot Sex

Alla fine ce l’ho fatta e ho provato la coppetta mestruale. Anzi, ho provato due diversi modelli di coppette mestruali INTIMINA, perché mi incuriosivano entrambi. E poi perché hanno forme così differenti, che scegliere fra l’una e l’altra non è possibile a priori.

Premetto che di coppetta per ciclo non ne ho mai voluto sapere fino a pochi mesi fa. La guardavo di sbieco e mi chiedevo se l’avrei sopportata. Per non parlare del ribrezzo all’idea di dover svuotare un po’ di volte al giorno quel bicchierino pieno di sangue. A cose fatte, invece, mi sono dovuta ricredere totalmente. E questo è quanto è successo con due delle coppette vaginali di INTIMINA.

Com’è andata con la coppetta mestruale Lily Cup One

La mia prima scelta è caduta ovviamente sulla coppetta mestruale classica (quella a forma di campana, per intenderci). Ho preso, quindi, la Lily Cup One INTIMINA perché specifica per principianti. È lunga 6,5 cm (incluso il gambo ad anello), ha un diametro di 4 cm ed è una menstrual cup adatta a chi ha un’altezza media della cervice. Il materiale è in silicone medicale, è abbastanza tonica (non morbidissima) e sul bordo ha 4 piccolissimi fori, per eliminare l’effetto sottovuoto quando bisogna sfilarla.

Come mi è andata con la coppetta mestruale Lily Cup One? All’inizio, lo ammetto, ho avuto qualche difficoltà. Ho usato la forma a C per inserirla e una volta dentro, presa dall’ansia che potesse non aprirsi, ho passato un dito in vagina per controllare che avesse aderito bene alle pareti vaginali. Nessun problema: Lily Cup One si era aperta a dovere. Sfilandola, però, non ho premuto alla fine della coppetta e l’ho estratta con effetto tappo di spumante. Ecco, questa è un’operazione che consiglio di fare attentamente. Come estrarre la coppetta mestruale? Afferra la base con l’anello, schiacciala un po’ in modo da togliere l’aria e tira via: semplice, veloce, indolore e il tappo di spumante lo riserviamo ai brindisi 😉 .

coppetta mestruale

Le cose sono andate molto meglio in seguito. L’ho presa con maggior relax, ci ho fatto la mano e pian piano mi sono abituata alla presenza di Lily Cup One in vagina. La svuotavo ogni 8 ore, perché non ho un ciclo abbondante. Ma confesso che di notte non l’ho tenuta. Oh, ho le mie fisse anch’io, sebbene la cup mestruale possa essere indossata pure quando dormi. Giudizio finale? Una buona coppetta per il ciclo, specie per le principianti. Consiglio, però, di prendersi del tempo per farci l’abitudine e di leggere prima le istruzioni per inserimento ed estrazione. Con la Ziggy Cup INTIMINA, invece, è stato amore a prima vista ed è andato tutto benissimo già dal primo utilizzo!

Ziggy Cup INTIMINA. Pregi, pregi, solo pregi

La coppetta mestruale Ziggy Cup INTIMINA è la mia preferita, absolutely. Innanzitutto è una coppa mestruale flat-fit, quindi morbida e favolosamente ergonomica. Ha la forma di un diaframma anticoncezionale, è in silicone medicale e ha un bordo rinforzato che evita possibili perdite. Inserire in vagina la coppetta mestruale Ziggy Cup è stato facile. Mi è bastato solo premere il bordo e spingerla fin sotto la cervice. Per estrarla, invece, ho infilato il dito sotto il bordo della cup e l’ho tirata fuori. Ha una capacità di 76 ml, quindi raccoglie tanto flusso ed è perfetta pure per chi ce l’ha abbondante. Il mio è normale, ma l’ho sempre svuotata ogni 7-8 ore (e c’ho la fisima dell’igiene!).

È una coppa mestruale comodissima, capiente, adattabile facilmente alle pareti vaginali e ha un altro grande merito. Ziggy Cup INTIMINA, infatti, è una coppetta mestruale per fare sesso durante il ciclo. Una volta inserita, lascia libero il canale vaginale e raccoglie contemporaneamente il flusso nella sua sottilissima sacca di silicone. Sesso pulito, quindi, e nessuna lamentela da parte degli uomini un po’ schifiltosi 😉 . La vestibilità – diciamo così – è buona: indossata, dopo un po’ non la senti più. E detto francamente, non ho avuto nemmeno perdite. Ergo: promossissima.

Coppetta mestruale e assorbenti esterni. Le differenze

Ora voglio spendere due paroline a proposito delle differenze fra coppetta mestruale e assorbenti esterni. Innanzitutto, con la coppetta mestruale ho eliminato la fissazione del cattivo odore. Anche quando ci cambiamo venti volte al giorno, noi donne abbiamo sempre il timore che l’assorbente esterno possa sentirsi (sniff). Con la coppetta vaginale la possibilità dell’olezzo disturbante è eliminata alla radice, con l’assorbente esterno no.

Il secondo dei vantaggi della coppetta mestruale è che non rischi di trovarti senza assorbenti quando ti arriva il ciclo. La tieni sempre in casa, nella sua comoda custodia (ce l’ha sia la Ziggy Cup che la Lily Cup One) ed è subito pronta all’uso. Terzo aspetto positivo: le coppette mestruali sono riutilizzabili. Prima riversavo nell’indifferenziato non so quanti assorbenti, che tra l’altro non sono biodegradabili. Ora, zero assorbenti in pattumiera e zero inquinamento.

Dettaglio non trascurabile, ho eliminato i costi mensili per gli assorbenti. Quindi, con una sola spesa andrò avanti un bel po’ di anni (arrivo della menopausa permettendo). Inoltre, si parla tanto, in questo periodo, dell’IVA italiana sugli assorbenti al 22%, mentre negli altri paesi europei è al 5%. Io ho tranciato del tutto la questione, prendendo una coppetta che mi costa una tantum. Se poi si arriverà a detassare la cup per mestruazioni, tanto meglio per tutte e viva la civiltà!

coppetta mestruale

Tamponi o coppetta mestruale. Quale scegliere?

E finiamo sciogliendo i dubbi sulla solita questione “meglio la coppetta mestruale o i tamponi?”. Ti dico la mia, considerando l’esperienza avuta con gli assorbenti interni. In passato li ho utilizzati spesso e in tutte quelle occasioni in cui volevo sentirmi più libera di muovermi. Li indossavo soprattutto al mare, per non rinunciare a qualche giorno di vacanza. Risultato? Mi sono beccata due volte vaginite e candida, perché – secondo il mio ginecologo di allora – i tamponi avevano assorbito acqua e creato un ambiente adatto alla proliferazione del fungo.

Ecco: una cosa del genere con la coppetta mestruale in silicone non succede. Primo perché non fa da spugna, come i tamponi. Secondo, perché fra un cambio e l’altro puoi disinfettarla con acqua calda e sapone antibatterico, evitando molti rischi di infezione. In più, ha tutti gli altri vantaggi degli assorbenti interni: è invisibile, puoi mettere tutti gli abiti che vuoi e correre, saltare, fare ginnastica, andare al mare o in piscina. Insomma: una benedizione da tanti punti di vista.

Coppetta mestruale. Ultime considerazioni e consigli

Tiriamo le somme della mia esperienza con due delle coppette mestruali INTIMINA? Allora, Lily Cup One INTIMINA mi ha creato all’inizio qualche fastidio nell’inserimento, ma più per mia incapacità che per difficoltà oggettive. Meglio, inoltre, bagnarla prima di infilarla, perché scivola dentro e si posiziona con più facilità. Con INTIMINA Ziggy Cup, invece, le cose sono andate subito bene e credo proprio che continuerò con questa coppetta, non con la Lily. Entrambe, comunque, sono di ottimo silicone: materiale anallergico, facilmente lavabile durante il ciclo e sterilizzabile in acqua bollente fra un ciclo e l’altro. Il mio consiglio è quello di provare più coppette, prima di scegliere quella definitiva.

Non solo la diversa anatomia vaginale richiede una misura adeguata della coppetta, ma bisogna far caso anche alla tonicità del pavimento pelvico. Meno è tonica la muscolatura pelvica, più la coppetta deve essere morbida. Se, per esempio, hai partorito da poco o sei lì lì con l’arrivo della menopausa, una coppetta morbida è più indicata. Fra le due, quindi, ti consiglio vivamente la Ziggy Cup, mentre la Lily Cup One è la migliore coppetta mestruale per ragazze principianti.

coppetta mestruale

Concludendo? Nella partita coppetta mestruale vs. assorbenti, non ho dubbi: vince la coppetta vaginale per manifesta superiorità. Quelle di INTIMINA, poi, sono garantite da un marchio leader nella produzione di accessori per il benessere intimo femminile. Facci un pensierino, se hai deciso di dire basta ad assorbenti esterni e tamponi. E nel caso ti servissero altre info, scrivimi pure nei commenti.

 

About the author

Adult copywriter e webwriter, mi occupo di scrittura per il settore Adult & Sex. Scrivo articoli Seo oriented per sex blog, testi ottimizzati per siti di Adult Club, schede prodotto e pagine web per sexy shop. Anche, non solo, soprattutto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *