I post del blog

Come posizionare sexy shop su Google e ottenere visibilità

Come posizionare sexy shop su Google e ottenere visibilità

Adult Copywriting

SEO per sexy shop online, ovvero: come ottimizzare un e-commerce adult per ottenere visibilità su Google. Un argomento non di poco conto, se si considera il boom dei sexy shop sul web, che però faticano a scalare la SERP e a raggiungere clienti in target. Per vendere sex toys online, infatti, non basta avere un sito con un buon catalogo di prodotti. Se il sito non è visibile o in qualche modo raggiungibile, affoga presto nell’oceano dei sexy shop online e con lui il budget investito. Oppure, viene sbranato senza pietà dagli squali dei grandi competitor.

Come posizionare un e-commerce di sex toys su Google? Per dare qualche info in più a chi vuole investire nel settore e a chi lo ha già fatto ma con pochi risultati, ho intervistato Carmine Pucino, esperto di SEO per e-commerce. Insieme tocchiamo i punti salienti di una buona ottimizzazione per sexy shop online, con qualche dritta da seguire per migliorare il posizionamento organico.

SEO per sexy shop. Da dove bisogna cominciare, Carmine? 

Ciao Nadia, innanzitutto permettimi di cominciare col ringraziarti per la bella opportunità che mi hai offerto. È davvero un piacere affrontare questo argomento con chi ha saputo costruire il proprio brand lavorando per un settore così borderline, in un mondo così fintamente bigotto! 🙂 . Vengo alla tua domanda. Diamo per scontato che la parte più importante da cui cominciare è senz’altro lo studio del business model sul quale si vuole costruire il proprio progetto. Aprire un sexy shop online non è un gioco da ragazzi, ma un lavoro serio che richiede tempo, competenze e investimenti. 

 

Mi permetto di fare questa precisazione perché noto sempre più approssimazione in giro, persone che pensano di mettere in piedi una piccola struttura con 2-3mila euro ed arricchirsi serenamente grazie al dropshipping. Restando sulla SEO per sexy shop in buona sostanza non è molto diversa dalla SEO per altri settori. O meglio, c’è magari uno squilibrio notevole tra le percentuali di incidenza dei diversi fattori che contribuiscono al posizionamento di un sito web, ma le macro aree su cui lavorare sono sempre le stesse: on-site e off-site. Nulla può essere lasciato al caso. 

Google AnalyticsQuali sono gli step essenziali per indicizzare un sexy shop e fargli acquisire posizioni?

Mi piace molto questa domanda perché mi consente di chiarire un concetto spesso poco noto a chi, diversamente da noi, non è un operatore di settore. Tanta gente si lascia fregare dalla web agency fuffarola di turno che vende l’indicizzazione del sito web. In realtà il primo step, quello dell’indicizzazione, è pressoché automatico. Google scansiona continuamente il web in lungo e in largo grazie ai suoi bot (o spider) ed è capace di trovare da solo, e inserire in indice, le nuove pagine pubblicate. Questo processo può essere favorito e velocizzato con qualche piccolo accorgimento:

  • La creazione di una sitemap in formato xml.
  • La segnalazione della stessa utilizzando l’apposita funzione disponibile in Search Console
  • La richiesta di scansione di un url, meglio se si tratta della Home Page, sempre in  Search Console.
  • L’ottenimento di qualche link che punta verso il nuovo shop.

E su come posizionare un sexy shop su Google cosa mi dici?

Per il posizionamento, invece, il lavoro è spesso lungo e articolato. Tra gli step essenziali e imprescindibili indicherei, in ordine di priorità:

  1. Creazione di una buona struttura scansionabile, preferibilmente da pensare a monte e non da correggere in corso d’opera.
  2. Keyword research e studio dei competitor.
  3. Definizione dei propri punti di forza e delle pagine più importanti da valorizzare in termini di trasferimento della link juice. In altre parole parliamo delle pagine che devono ricevere il maggior numero di link interni e maggior visibilità nell’organizzazione strutturale del sito web.
  4. Ottimizzazione di tutti i fattori on-site.
  5. Lavoro costante sui fattori off-site.

In tutto ciò non si può trascurare la scelta di un buon servizio hosting che, in combinazione con una corretta ottimizzazione on-site, incide moltissimo sulle performance.

seo per sexy shopSecondo te quali sono le tecniche migliori per aumentare il traffico di un sexy shop su Google?

A questo punto potrei farti un elenco dettagliato di tutte le più note tecniche di posizionamento onpage e offpage. Qualche esempio concreto? Si tratta pur sempre di un e-commerce, quindi tra le prime accortezze da tenere a mente non si può non menzionare la necessità di evitare le duplicazioni. Molto spesso i proprietari di e-commerce credono che quantità sia sinonimo di migliore, quindi importano prodotti in maniera automatizzata dal gestionale come non ci fosse un domani, e con essi le descrizioni, le immagini e chi più ne ha più ne metta. Un problema del genere, se non gestito in maniera adeguata, può portare a una vera e propria catastrofe

Mettiti per un attimo nei panni di Google. Cosa pensi sia giusto fare con un sito web che “costringe” a scansionare migliaia (se non centinaia di migliaia) di pagine pressoché inutili, vuote o copiate e senza alcun valore aggiunto per gli utenti? Di certo un sito di questo genere non merita un premio, non trovi? Ho voluto riportare l’esempio di una problematica che si riscontra molto spesso negli e-commerce, ma allo stesso modo avremmo potuto parlare di:

  • Ottimizzazione URL.
  • Definizione della gerarchia delle pagine.
  • Link interni.
  • Ottimizzazione delle immagini.
  • Gestione di categorie e tag.
  • Canonical.
  • Attributi del tag Hreflang.
  • Dati strutturati.
  • Robots.txt.
  • Sitemap.xml.
  • IP riservato. 
  • Hosting.
  • Certificato di sicurezza. 
  • Performance.
  • Versione responsive e differenze di UX tra mobile e desktop.
  • Segnali di rilevanza in ingresso (link, menzioni, citazioni.

Volendo potrei andare avanti e approfondire uno ad uno questi aspetti, ma la verità è che ci troveremmo con un ottimo elenco di best practices, niente di più o di meno rispetto a quello che è possibile leggere in tanti buoni manuali di di SEO.

Oltre a queste tecniche, c’è qualche mossa più astuta?

In questo contesto voglio invece aprire uno spunto riflessione su un aspetto collaterale e troppo spesso sottovalutato in ambito adult: la capacità di comunicare a 360° al proprio pubblico di riferimento, stimolando i suoi desideri e le sue fantasie. Non mi dilungo oltre ma ti mostro uno screenshot dei migliori posizionamenti organici di mysecretcase.com. In verde sono evidenziate le parole chiave non strettamente commerciali, che rimandano a pagine di blog, non a categorie o prodotti. A volte le immagini valgono davvero più di mille parole.

seo per sexy shop

Pro e contro del posizionamento organico su Google per un sexy shop

Devo essere onesto, non riesco proprio a immaginare i contro di un buon posizionamento organico. Probabilmente potrei (dovrei!) annoverare tra i contro la necessità di tempistiche medio-lunghe e investimenti cospicui affinché il posizionamento di cui sopra si concretizzi. Troppo spesso i clienti credono, o si lasciano convincere da qualche cuggino imbonitore, che si possano posizionare N keyword in un TOT di tempo e avere anche garanzie al riguardo. Purtroppo, come dico spesso, chi fa SEO gioca una partita in cui non è proprietario del campo né del pallone, e come se non bastasse non conosce le regole certe del gioco.  

Se si è lavorato bene i risultati arrivano, ma lo fanno quasi sempre nel lungo periodo. Il vantaggio risiede nel fatto  che in tal modo lo shop può beneficiare anche di un posizionamento di brand che, nel lungo periodo, prescinde dalla SEO in senso stretto. Questo deve essere il vero obiettivo cui ambire: sfruttare la SEO e tutte gli altri canali dell’online marketing per affermarsi come brand. È questo l’unico posizionamento che non si può scalfire.

Un buon metodo per dare visibilità ai sexy shop online è il blog. Lo consigli e in quali casi?

Non volendo ho anticipato la risposta con lo screenshot di prima 🙂 . Chi vuole ottenere visibilità con un sexy shop non dovrebbe mai prescindere dal blog. Insomma, li hai visti i volumi di ricerca legati alle storie e ai racconti erotici? Sono davvero numeri impressionanti, che lasciano di stucco soprattutto chi ritiene che gli amanti del vizio siano in cerca solo di foto e video porno, o di un dildo da comprare in totale anonimato. È ovvio, però, che un blog per sexy shop debba essere ben strutturato. Deve, inoltre, seguire un piano editoriale che includa articoli di qualità, scritti seguendo le tecniche del miglior SEO copywriting applicato all’adult e preferibilmente da un blogger per sexy shop.

 

Gli errori più comuni, da evitare, quando si fa SEO per sexy shop

L’errore più comune risiede nella tentazione di pensare che sia un e-commerce come gli altri in un settore come gli altri. Se infatti la SEO onpage può essere sostanzialmente uguale, lo stesso non si può dire per l’offpage. Come tutti i settori borderline l’adult vive di regole proprie, spesso al limite dello spam. Il che vuol dire che le strategie di link building e digital PR devono essere decisamente più spinte. Ciò vuol dire anche più costose.

E dulcis in fundo, quanto costa posizionare un e-commerce di sex toys su Google?

Qui è inevitabile la risposta da SEO: dipende! È praticamente impossibile rispondere senza conoscere le caratteristiche di un sito, il suo stato di partenza, gli obiettivi che si pone, la vastità del catalogo, ecc. Posso dirti senza ombra di dubbio che ha costi mediamente più elevati rispetto ad altri settori più “classici”. Il mio approccio prevede in ogni caso un’approfondita analisi preliminare, un documento di un centinaio di pagine in cui studio lo scenario competitivo e le caratteristiche del progetto da posizionare. 

Insomma, si tratta di una SWOT Analysis allargata e contestualizzata rispetto alla SEO. Questo studio non ha mai un costo inferiore a 800€. Poi devi aggiungere l’operatività mensile, sia on-page che off-page, per la quale possiamo ipotizzare un range che varia tra 700€ e “dipende quanto è grande il progetto e cosa vuoi fare”! 😉 . Spero possano essere sufficienti come riferimenti di massima, almeno per capire che aprire un sexy shop online non è davvero di uno scherzetto da poco. 

About the author

Adult copywriter e webwriter, mi occupo di scrittura per il settore Adult & Sex. Scrivo articoli Seo oriented per sex blog, testi ottimizzati per siti di Adult Club, schede prodotto e pagine web per sexy shop. Anche, non solo, soprattutto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *